Promozione Umana

X un sì alla vita

I GRANDI MAESTRI DELL'UMANITA' - Emmelin Pankhurst

« back Notizie | L'opinione di Don Chino

emmelin1

Emmeline Pankhurst, nata Goulden Moss Side il 15 luglio 1858  è stata un'attivista politica britannica che guidò il movimento delle suffragette femministe del Regno Unito, aiutando le donne ad ottenere il diritto di voto.

Il nome di Emmeline Pankhurst non è probabilmente tra i più famosi nell’ambito delle conoscenze storiche popolari, eppure, soprattutto le donne di oggi, devono molto a questa signora inglese, principale esponente del movimento delle suffragette, che nei primi anni del ‘900, si batté strenuamente affinché fosse concesso anche alle donne  il diritto di voto, fino ad allora, esclusivo appannaggio dei maschi.

Nel 1903 la Pankhurst fondò l’Unione sociale politica e femminile, e nel 1905 fu condannata e imprigionata per aver interrotto una riunione del partito liberale chiedendo che venisse posto in discussione il tema caldo del diritto di voto alle donne.

In quegli anni, le suffragette combattevano una dura battaglia ideologica nei confronti degli esponenti liberali, considerati il principale ostacolo per l’attuazione delle rivendicazioni femminili. Era invece vicino alle suffragette il partito laburista indipendente, cui aderirono politicamente.

Con il passare del tempo, i metodi di protesta del movimento divennero sempre più accentuatamente forti ed esasperati, a volte violenti, suscitando riprovazione e conseguenti reazioni da parte delle autorità.

Lo scoppio della Grande Guerra, con le sue inevitabili ripercussioni in ambito umano, politico e sociale, convinse le suffragette ad interrompere la propria attività, ottenendo in cambio dal governo inglese la liberazione di tutte le detenute per reati politici.

In quegli stessi anni, l’infaticabile Emmeline Pankhurst intraprese diversi viaggi in vari paesi stranieri, tra cui Canada, Russia e Stati Uniti, promuovendo un’importante campagna di sensibilizzazione sul problema del suffragio universale; quando fece ritorno nella sua Inghilterra, le autorità avevano già concesso il diritto di voto alle donne a partire dal 1918, ponendo fine ad un’antica e sacrosanta lotta delle donne  per il riconoscimento di prerogative fondamentali.

Nel 1926, Emmeline riprese ad occuparsi attivamente di politica, la vera passione della sua vita, stavolta accanto ai conservatori.

Morì a  Hampstead  il 14 giugno 1928.tead  il 14 giugno 1928.